ATTACCO ALIENO?

La maggior parte dei residenti russi di mezza età e anziani alla domanda di cosa hanno più paura, non esitano a rispondere: della GUERRA! Infatti, non c’è niente di peggio di proiettili che esplodono sopra le teste dei civili.Dopo aver attraversato nel secolo scorso (due guerre mondiali), oggi siamo protetti dalle  guerre su larga scala. Se il pericolo di una guerra arrivasse dallo spazio?

 CERCHI DI GRANO

Recentemente, il ministro della difesa russo ha  fatto preparare delle  truppe a difendere la Russia dallo spazio. Esiste un potenziale nemico? Precisamente, si tratta, non di una guerra terrestre, in quanto, queste unità sono chiamate a combattere con armi poste in orbita.

Allo stesso tempo, se per un attimo immaginiamo che la Terra sarà aggredita da  una civiltà proveniente dallo spazio, queste forze serviranno per proteggere la popolazione della Russia, giustificando pienamente il suo nome. L’unica domanda è, quanto è reale questa minaccia? Mettendo da parte le numerose teorie del complotto, sostenendo che i governi dei principali paesi del mondo, collaborano con gli alieni, e guardando i fatti evidenti, sembra che l’ansia non è del tutto infondata.

L’analisi più semplice dei film più fantastici fornirà un risultato interessante: i terrestri tendono a supporre che gli invasori alieni sono bellicosi e aggressivi. L’unica eccezione sono gli scienziati astrofisici che con tenacia maniacale inviano messaggi nello spazio – sia tramite radio e in forma scritta sulle navicelle.

Allo stesso tempo, non pensano al fatto che essi possano raggiungere una civiltà militante, che, dopo aver letto il testo, voglia conquistare  il pianeta. Il messaggio più famoso è stato inviato alle stelle nel lontano 1974. Poi, durante la modernizzazione del radiotelescopio Arecibo posizionato in direzione della costellazione Hercules erano stati inviati una serie di segnali radio potenti. Più di mille impulsi radio consecutivi che  contenevano  informazioni codificate sull’ umanità.

C’è voluto un lungo periodo per decidere  quale codice da inviare, come risultato, gli scienziati avevano concordato il metodo della modulazione di frequenza. Come risultato, il 16 novembre 1974 venne generato il messaggio con sequenza di zero e uno. Il Destinatario stava nella costellazione di Ercole cluster di stelle M-13. Secondo il leader del progetto Francis Drake in quel punto ci poteva essere una civiltà  extraterrestre.

chilboton2.0

Nel messaggio c’erano  informazioni sui terrestri, del sistema decimale, pesi atomici, degli elementi chimici essenziali, la rappresentazione schematica dei terrestri, la formula del DNA umano, l’immagine del sistema solare, il telescopio di Arecibo, il regime del suo lavoro e il diametro dell’antenna parabola.

Una risposta non è mai arrivata, però nell’agosto del 2001,  in un campo di grano in Inghilterra vicino al radiotelescopio si scoprì un’immagine enorme,  costituita da 73 righe di 23 punti ciascuno. Quando l’immagine venne fotografata da un aereo, con stupore ci trovammo di fronte a una copia del messaggio Drake, che fu mandato alle stelle 27 anni prima.

L’immagine sul campo non era una copia del  messaggio di Drake, c’era stato un cambiamento fondamentale,  era la risposta. Una Civiltà aliena non solo era stata in grado di leggere il messaggio, ma anche di risponderci  in modo analogo. In primo luogo, come nel messaggio terreno, sorgeva il sistema decimale, la seconda – pesi atomici degli elementi chimici, che indicavano l’esistenza di una vita biologica.

Confrontando i frammenti dei due messaggi, i ricercatori erano rimasti sorpresi di trovarli diversi … per una voce.  Per “Loro” erano vitali: idrogeno, carbonio, azoto, ossigeno e fosforo. Con l’aggiunta di un Nuovo elemento – il silicio. Noto a molte teorie, dimostrando che la vita biologica può essere non solo sulla base di carbonio-idrogeno, come sulla Terra, ma anche sul silicio-idrogeno.

La struttura molecolare nel messaggio era identico a quello umano, solo che cambiava l’elica del DNA. L’ altezza cosmica venne codificata come nel sistema binario, era significativamente più piccolo del nostro – un totale di 140 centimetri. Era stato specificato il numero di creature ultraterrene. Si era scoperto che il numero della civiltà aliena era almeno due volte la nostra.

E, infine, la più interessante – L’anteprima dei pianeti del loro sistema stellare, completamente identico al nostro sistema solare.

Un anno dopo arrivò il secondo messaggio. Sul campo di grano a cinque miglia dalla prima “lettera” apparsero le informazioni a forma circolare come un enorme CD-drive e in più con un ritratto del mittente. Il ritratto  era una  testa di una strana creatura, simile ad una lucertola con gli occhi di gatto. Quasi tutti gli ufologi, attivamente impegnati nello studio delle civiltà extraterrestri, hanno dato una mano nel decifrare il messaggio.

AGGRESSORI

Una cosa è chiara: se la prima risposta era indifferente, quest’ultimo poteva anche essere aggressiva.

Al fine di porre rimedio alla situazione, un gruppo di attivisti americani ha deciso di raccogliere fondi per  inviare alle stelle un messaggio che comunicava che i terrestri erano arrabbiati, belligeranti e  ostili. Secondo gli autori, un tale messaggio può scoraggiare potenziali aggressori. Il sito web del progetto Your Face in Space ha raccolto denaro per inviare al centro della galassia una rappresentazione di uomini e donne aggressive, che si trovano accanto all’immagine di un uccello.

Diversi anni fa, un libro è stato pubblicato negli Stati Uniti Travis Taylor e Bob Boen con il titolo intrigante “Introduzione alla difesa planetaria”.

Nel libro, gli autori ci dicono seriamente come agire in caso di un attacco alieno, così come analizzare la possibilità di riflessione da attacchi esterni.

Ill suo lavoro è stato inviato a scienziati, al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e alla NASA. Nessuna risposta è pervenuta, ma gli autori ritengono che prima o poi il loro lavoro sarà ricompensato.

Analizzando la possibilità di contrastare l’attacco, gli autori danno un lavoro pessimista, giustamente: una nave aliena, mentre è in aria è invincibile, così fino a quando l’ufo non è a terra è meglio non provocare gli alieni ed eventualmente evacuare la zona circostante. Quando gli invasori alieni avranno messo  piede sulla Terra direttamente, si potrà attaccarli.

BENVENUTI A TERRA

Oggi è difficile dire se la Russia è pronta al contatto con gli alieni provenienti da altri mondi e ci si chiede se il nostro governo è su questo argomento. Allo stesso tempo, le Nazioni Unite sta preparando questo da molto tempo.

Alcuni scienziati ritengono che se c’è un organismo internazionale che regola il rapporto tra l’uomo e lo straniero, i conflitti possono essere evitati. E nel 2010 il Direttore Comitato Mazlan Othman ha detto che è statisticamente possibile la vita extraterrestre!

s31019717

Questa osservazione non è casuale, perché gli scienziati stanno costantemente scoprendo sempre più  pianeti con condizioni vicine alla terra, nei loro ecosistemi, è probabile che ci possa essere vita intelligente. A questo proposito, Othman ha esortato la comunità mondiale per prepararsi per un incontro con esseri extraterrestri, ad esempio  sviluppare una legge che disciplina il rapporto tra umani e alieni. Per esempio, in Inghilterra, gli scienziati della Royal Society ha emesso una circolare con  tutti gli aspetti delle relazioni con la vita extraterrestre, credendo che questo grave problema dovrebbe essere considerato in entrambi i circoli scientifici e governativi.

La Gran Bretagna si sta preparando per l’invasione dallo spazio,  lo conferma l’ex dipendente del Ministero della Difesa  Nick Pope, un colloquio che ha causato una grande risonanza. Egli ha detto che in precedenza aveva lavorato come ricercatore sul problema UFO, e il suo paese ha un set completo di strumenti per sopprimere l’aggressione dallo spazio, se si verificano.Questi strumenti sono “top secret”.

Paleobiologia all’Università di Cambridge – professor Simon Conway Morris, come molti suoi colleghi di tutto il mondo, crede che gli alieni  visitano la Terra potrebbero teoricamente, essere ostile a priori.

PANICO

Prima il panico sollevato dagli scienziati del centro di ricerca SETI, tra cui ascoltare i possibili segnali radio provenienti da esseri intelligenti. Ad un certo punto, avevano scoperto che gli oggetti che si stavano avvicinando alla Terra erano probabilmente  veicoli extraterrestri.

Le informazioni pubbliche erano rapidamente scomparse . Tuttavia, in molti paesi sviluppati i ​​governi avevano lanciato una campagna per preparare la popolazione per lo sbarco degli alieni. Il giornale The Guardian aveva pubblicato un articolo dal titolo scioccante “Gli Alieni potrebbero distruggere l’umanità.” Il giornale fornisce  fonti sufficientemente competenti, quali i rapporti dalla NASA e una serie di segnalazioni di scienziati seri.

Le conclusioni raggiunte dagli autori, erano deludenti: se volete gli alieni ci potrebbero aiutare a fare un passo avanti tecnologico, ma se volessero,  potrebbero distruggere tutta l’umanità o utilizzarci come cibo. È interessante notare che, il giorno dopo sul giornale c’era una confutazione, ma i funzionari della NASA avevano detto che non avevano alcuna relazione sugli alieni e dei rischi ad essi associati.

 Documenti segreti della NASA confermavano la presenza di alieni sulla Terra e di  tre enormi astronavi aliene nel nostro sistema solare.

s88110691

Qualunque cosa fosse,  non è accaduto. Forse il pericolo è passato? Su questo argomento è difficile trarre conclusioni e  previsioni .

Forse gli alieni hanno deciso che non siamo interessanti per loro sia come partner o addirittura come cibo. O forse tutto è solo all’inizio, e presto sentiremo in televisione: “Attenzione,  messaggio speciale! E’ atterrata una nave spaziale aliena sulla terra.

About admin