BIOLOGO: STIAMO LAVORANDO SUL RESTAURO DEL GENOMA DEL MAMMUT

Gli scienziati stanno studiando i resti di mammut Yuki , sono interessati al DNA dell’animali. In futuro sarà possibile clonare un mammut, ha detto il biologo Albert Protopopov.

In questi migliaia di anni i resti di mammut sono rimasti nel ghiaccio sulla riva del mare Laptev. Essi sono stati scoperti nel 2010 in Ust-Jansky Ulus della Repubblica Sakha (Yakutia), membri della comunità Yukagir. Il Mammoth, che gli è stato dato il nome di Yuka è perfettamente conservato, ed ora lo stanno studiando alla Yakut Accademia delle Scienze.

s51779435

Gli scienziati hanno concluso che Yuka è stato ucciso da un uomo antico. In un’intervista a Radio Sputnik il capo del dipartimento di studio della fauna mammut della Yakut Accademia delle Scienze, Ph.D. Albert Protopopov.

“Sulla carcassa del mammut abbiamo trovato  una lunga incisione longitudinale con bordi frastagliati , inflitta da una  lama.

Secondo punto, nel retro, manca la carne, le ossa e gli organi interni.  Sono stati rimossi.

Albert Protopopov ha anche spiegato il motivo per cui il mammut è  stato chiamato Yuka:

“E’ il nome della nipote di chi l’ha trovato, leader della comunità Yukagir, Gorohova Vasily.

Lo scienziato ha spiegato l’essenza di clonare un mammut e quando potrà diventare possibile.

 Vorrei sottolineare che nel senso classico della clonazione è quasi impossibile ricreare un mammut. perché il nucleo del DNA di decine di migliaia di anni, non permette di effettuare la clonazione.

È possibile che con il miglioramento della tecnologia sarà possibile la ricostruzione delle molecole di DNA. Al momento, sembra fantastico, ma in futuro,  sarà possibile “- 

About admin