Turista cinese ha vagato nella foresta maledetta per 17 giorni

Il 6 maggio 2016, un turista cinese è  sparito nella foresta di Hei Zhy Gou, la sua famiglia era disposta di pagare 200 milioni di yuan (circa 273.000 euro)per avere informazioni, però, dopo 17 giorni di assenza è tornato a casa, secondo il “Quotidiano del Popolo 人民日报“.

L’uomo aveva deciso di andare nella foresta di Hei Zhy Gou, che viene tradotto in “valle della morte” (anche spesso definita come “La gola del bambù nero” ).

zona anomala cinese

Il sig. Zhu è un viaggiatore esperto con una buona preparazione fisica – alpinista, aveva scalato tutte le cime circostanti, tuttavia, il suo ritorno dalla foresta maledetta è stato considerato un miracolo.

foresta maledetta

In tutta la zona per 60 km ci sono anomalie magnetiche fisse, sia la bussola e il GPS non funzionano correttamente, in più le persone scompaiono.

Nel 2014, un gruppo di cinque persone decisero di andare nella foresta per fare trekking, tre di  loro scomparvero il 20 agosto, mentre gli altri due che si separarono dal gruppo riuscirono a trovare la strada per uscire dalla zona anomala, dice il rapporto delle autorità.

La polizia di Ebian Yi, inviò quattro squadre di soccorso per cercare i  dispersi, ma le ricerche non diedero risultati.

La zona dagli occidentali è chiamata il  “Triangolo delle Bermuda della Cina” per via delle sue variazioni geomagnetiche. I turisti non sono invitati a esplorare la zona, che dispone di una fitta vegetazione.

. Successivamente vennero rinvenuti due corpi, del terzo non trovarono nessuna traccia.

valle della morte

About admin