CRIMINOLOGO MESSICANO PUÒ “ANIMARE” I CADAVERI

Questo metodo innovativo è inquietante, ma è estremamente importante  per risolvere i crimini nello stato di Ciudad Juarez, in Messico, che divenne famoso per il suo alto livello di omicidi.

Il Dr. Alejandro Hernandez Cardenas è in grado di riportare la gente dalla morte – ma può anche rendere i corpi più freschi a causa del suo metodo insolito di conversione di raggrinzimento dei resti umani.

s62750770

Il fatto che questo processo è stato molto utile, perché aiuta a rivelare i dettagli come le impronte digitali, cicatrici, ferite e tatuaggi, che possono essere utilizzati per impostare l’identità delle vittime e promuovere il set divulgazione dei crimini. Testa, rugosa dal caldo del deserto, può essere restaurata in modo da poter vedere le labbra e i lividi o vedere l’aspetto di un minuto prima della sua morte.

Gli esperti forensi della University of Southern Mississippi hanno ricevuto un brevetto sul metodo di reidratazione, che consente di ottenere stampe anche da dita disidratati. Questo metodo utilizza idrossido di sodio – 

s28464790

A differenza di altri esperti che lavorano con solo frammenti di corpi, Il Dr. Cardenas immerge tutto il corpo – alcuni completamente avvizziti e disidratati o sfigurati a causa di incidenti – nel serbatoio, che egli chiama “Jacuzzi”, per cinque giorni. Il serbatoio contiene circa 270 litri di componenti di una soluzione basata su una formula chimica segreta che trasforma magicamente indietro nel tempo.

Cardenas ha già eseguito centinaia di reidratazioni e parti restaurate del corpo di almeno una dozzina di cadaveri. Quando il corpo viene rimosso dal serbatoio, le sue membra e le sue articolazioni sono flessibili – ma puzza indescrivibilmente. Tuttavia, il dottor Cardenas continua a fare il suo lavoro per dare alle famiglie in lutto una sepoltura dei loro cari di un essere umano. Ha anche finanziato i costi delle procedure.

Per una caratterizzazione più completa del valore del Dr. Cardenas,  che durante le procedure parla ai suoi “pazienti” e comprende anche la loro musica preferita.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Tumblr

About admin