I segni celesti

Sin dai tempi antichi, le persone osservano nel cielo strani segni, simboli o figure. A volte il loro significato sembrava ovvio, ma il più delle volte – non era chiaro.

cielo

Le spiegazioni scientifiche per i segni celesti non esistono, anche se gli scienziati tentano di spiegare la loro origine,  con la differenza tra la temperatura dell’atmosfera e del tempo anomalie.

Ma chi o che cosa le invia alla gente – è ancora irrisolto.

Cartelloni pubblicitari volanti

In epoca pre-cristiana si credeva che tali segni – erano manifestazioni divine, per presagire eventi futuri: la vittoria in battaglia, epidemie o fame. Per interpretare i segni del cielo era permesso solo al sommo sacerdote.

gesù

 

 

Il 17 DICEMBRE 1826 in Francia, nella città di Minya, durante la preghiera venne menzionata la vittoria dell’imperatore Costantino e nel cielo emerse una croce gigante, la videro 3.000 persone.

Nel 1110 i monaci del Monastero delle Grotte videro una colonna di fuoco dalla terra al cielo. Il cronista fa notare che questo fenomeno era un angelo.

Nel gennaio 1584 la prima nel cielo sopra il Cremlino di Mosca apparve una croce luminosa.

Durante la prima guerra mondiale, nel 1915, quando l’esercito russo subì una grave sconfitta in cielo apparve una croce di nuvole bianche. Venne vista da alcune centinaia di persone.

Il 3 novembre 2000, non lontano da Kazan, nei pressi del ponte stradale del fiume Volga, in mezzo alla nebbia venne vista una enorme figura di un uomo in abito lungo. La figura aleggiava nell’aria, poi alzò la mano in segno di saluto.

Allo stesso tempo, secondo i testimoni oculari, nella loro testa sentirono una voce di un uomo. Tutti i testimoni ricordano le stesse parole: “Io sono l’Alfa e l’Omega. L’ora del mio miracolo è vicina. Siate benevoli e misericordiosi gli uni verso gli altri. ”

La Vergine Maria

Tra le visioni celesti, tiene un posto speciale la Vergine Maria. Sono stati registrati molti casi in cui il fenomeno è stato osservato da migliaia di testimoni.

madonna

Il più famoso di questi si è verificato nel 1914, quando nel cielo del fronte russo-tedesco è apparsa la Vergine. È stata vista da migliaia di soldati russi e tedeschi.

Quando ci fu l’assalto delle truppe sovietiche a Konigsberg,  il 6 aprile 1945, in cielo c’era una enorme figura di una donna in vesti fluenti. Vedendola, i soldati tedeschi gridarono: “La Santa Vergine!” – Subito dopo si arresero.

 

Dopo la sua morte sarà un paradiso

Spesso appaiono dei segni nel cielo molto simili a lettere o numeri. Alcuni ricercatori sostengono che la creazione dei segni celesti sia opera di una intelligenza aliena.

Il padre della cosmonautica russa. Konstantin Ėduardovič Ciolkovskij, nelle sue memorie ha raccontato un fatto accaduto il 31 maggio 1928, era nel giardino di casa, seduto sotto il gazebo, a un certo punto di fronte a lui vide un fenomeno sorprendente. Apparvero improvvisamente in cielo delle lettere bianche R, A e Y, nello sfondo blu scuro del cielo.

Sotto le lettere vide un’altra nuvola a forma di lapide. Tsiolkovsky, come primo pensiero gli venne in mente il paradiso dopo la morte, con la fine di tutte le sofferenze. Poi, riflettendo su ciò che vide, si ricordò che in lingua inglese la parola ray significa “raggio” – e così diede alla visione il significato di raggi o fasci di conoscenza della vita.

cielo 1

Il 2 DICEMBRE 1990, era stato osservato  un fenomeno simile dai meteorologi, sopra il Mar Caspio,  in cielo c’era la sigla JVL. Anche i loro colleghi da Uzbekistan  confermarono di vedere esattamente la stessa immagine. Nessuno capì il messaggio divino.

L’anno prima, il 15 ottobre 1989 nei cieli di Salsk (regione di Rostov), migliaia di persone ​​videro una serie di caratteri e numeri, molti ricercatori cercarono di decifrarli. Dopo qualche tempo, al loro posto si formarono due punti interrogativi.

Il 24 ottobre 1990 nel cielo dello stesso paese e della vicina stanitsey Kokiche Krasnodonetskoy (regione di Rostov), ​​ci sono stati quattro quadrati con fiamme luminose all’interno. Nel 2001, una croce nera, una figura  e a dividerli un piccolo cerchio luminoso. Secondo gli osservatori, la dimensione dei caratteri superava i 100 metri.

Domande senza risposta

-Come si spiega l’origine dei segni celesti?

I meteorologi ritengono che questi fenomeni sono causati dalla presenza di minuscoli cristalli di ghiaccio di nell’aria negli strati superiori che rifrangono i raggi del sole. Tuttavia, questa teoria non convince visto che ci sono state delle visioni notturne.

Altri scienziati stanno cercando di presentare i segni celesti come allucinazioni di massa, illusioni ottiche o anche un gioco di cariche elettriche atmosferiche – ma questo non dà una spiegazione completa del fenomeno.

In altre parole, l’interpretazione scientifica nitida e chiara delle visioni nel cielo non c’è.

In realtà, fino ad oggi, gli scienziati possono spiegare chiaramente un solo caso dei segni celesti, che si è verificato nel 1670, come lampi luminosi osservati nel cielo notturno nella costellazione del Cigno per diverse settimane, e poi scomparsi.

Con l’aiuto di un telescopio APEX, che si trova in Cile, gli scienziati hanno scoperto nella costellazione del Cigno una piccola nebulosa – dopo l’analisi hanno concluso che nel 1670 era stato osservato un fenomeno raro – la collisione di due stelle nello spazio.

Ma per quanto riguarda il resto dei segni celesti? Ahimè, non esiste una spiegazioni.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Tumblr

About admin