Storia alternativa e l’ipotesi di multiverso

Negli ultimi anni, un numero di narrativa e popolari opere, che descrivono le alternative della storia umana. Una, è l’opzione, in cui la Germania con il Terzo Reich nella seconda guerra mondiale e divenne la nazione più potente del mondo …

Anton Pervushin. Utopia Terzo Reich. Se Hitler avesse vinto …

La svastica sul sole

Mezzo secolo fa,  uno scrittore straordinario Philip Dick fece un grande successo. Nel 1962, venne pubblicato il romanzo “The Man in the High Castle» (La svastica sul sole), e un anno dopo vinse il prestigioso premio letterario “Hugo” .

nazi

Dick, scrisse anche il romanzo “Il cacciatore di androidi”, che diede alla luce nel 1982 il film campione d’incassi “Blade Runner”.

La questione principale del libro Dick trasferito è come sarebbe stato il mondo se la Germania non fosse stata sconfitta nella guerra, come sarebbe stata la situazione sociale e politica paradossale, alla fine non solo offre modi per ripensare tutto lo sviluppo post-bellico della società, della scienza, della tecnologia e della cultura, ma anche per riflettere sul nostro presente.

Grande Reich e GIAPPONE

Il suo romanzo è stato scritto in tempo reale. Il lettore è immerso in un mondo surreale dove l’est del continente nord americano di New York al Texas, fosse occupato dal “Grande Reich nazista.” collaboratori locali, traditori torturati, patrioti che ovunque manifestano il Fuhrer, invece delle stelle sulla bandiera a strisce.

Il fantasioso Dick si è originariamente basato su l’assassinio del presidente Roosevelt, alla fine della Grande Depressione. i presidenti successivi erano troppo deboli, e in America immerse in una nuova crisi finanziaria dando origine a una politica di isolazionismo. Secondo questa dottrina, gli Stati Uniti non ha agito sul lato della coalizione anti-hitleriana, che ha portato alla sua sconfitta e l’Unione Sovietica fu invasa nel 1941.

Questa è stata seguita dall’attacco a Pearl Harbor, che ha distrutto Flotta del Pacifico degli Stati Uniti. Aprendo la strada per l’occupazione da parte del Giappone, di Australia, Nuova Zelanda e l’Oceania.

I rapporti tra le due nuove “grandi potenze” resta molto teso.

Cinegiornale 

Gli eventi sono intrecciati attorno ad un film documentario molto strano in una diversa realtà del nostro mondo attuale, dove idra nazista ha schiacciato i soldati sovietici ….

Nel libro di Dick vi è una terza linea di storia, dove negli Stati Uniti, prima della guerra è diventato presidente Rexford Tagvell.

Che riuscì a mantenere la Flotta del Pacifico, evitando la tragedia di Pearl Harbor, ottenendo delle vittorie nelle battaglie navali. .

Molti critici hanno notato immediatamente un finale spettacolare, dove il meditatore giapponese “il ministro del commercio” scende inaspettatamente nella “realtà reale” dei primi anni Sessanta, con la crisi imminente dei missili cubani.

Ipotesi di Multiverse

Gli scrittori di fantascienza con i loro lettori immersi in fisica teorica moderna,  hanno sperimentato lo shock di molte opzioni Multiverso – la ramificazione e una divisione dell’universo. In questa melma senza fine, è possibile trovare tutte le possibili opzioni per lo sviluppo di eventi storici importanti.

C’è anche la storia della morte di un bambino, di Attila e Gengis Khan, le campagne senza successo di Alessandro Magno e dell’artiglieria di Napoleone Bonaparte. La nostra realtà, qui, appare altrettanto probabile, ma non il migliore dei mondi possibili.

luna

Per capire l’essenza del Multiverso, gli scienziati hanno costruito un modello virtuale del Big Bang che ha dato origine al nostro universo, e stanno cercando di trovare un modo per creare nuovi mondi tramite la collisione di particelle negli acceleratori enormi.

La teoria di mondi tramite particelle è stata sviluppata dall’accademico sovietico Mosè A. Markov. Ha chiamato i suoi microuniversi “friedmons” in onore del matematico Friedmann.

C’è anche il lavoro scientifico, ricorda il fisico-matematico di fantascienza. La teoria di Mosca Fisica MB Mensky, che ha creduto che nei sogni, ogni persona sceglie inconsciamente la strada della realizzazione del loro futuro. Non ci sono altre versioni non meno paradossali della “realtà fatiscenti”, tra i quali: i mondi ologramma Juan Maldacena.

Ologramma MONDO!

Oggi, i fisici, i cosmologi e gli astronomi hanno caldamente discusso sul fatto che il nostro universo è un oggetto tridimensionale o se è solo una sorta di “ologramma piatto”. La prima opportunità di parlare così, è stata nel 1993, dal teorico olandese Gerard Hooft, che ha sviluppato il “principio olografico”.

L’idea di Hooft, il nostro mondo può essere rappresentato in forma di “ologramma bidimensionale dell’universo”, la cui superficie registra assolutamente tutte le informazioni relative al paesaggio dello spazio-tempo intorno a noi. Percependo questa informazione, non vediamo gli oggetti piatti, e le loro immagini tridimensionali. Basandosi su questo principio, il professore Maldacena ha creato una teoria originale nel 1997, in cui la base dell’universo è intessuta da “superstringhe di potenza” incredibilmente sottili.

Queste stringhe sono gli ologrammi di eventi nella “spazio piatto”. In realtà, si può parlare che tutti i dati, “dipingono” la quantità di spazio per mantenere l’intera galassia, nella “base piatta” dell’universo.

multiverso

Il famoso teorico quantistico Stephen Hawking spiega il principio olografico sull’esempio delle carte di credito, che contiene un ologramma. C’è una superficie bidimensionale, la Banca mantiene le informazioni necessarie per descrivere il riferimento all’oggetto tridimensionale, escludendo le false informazioni sul tuo account.

La fantascienza immagina che potrebbero coesistere tre realtà, lo scrittore di fantascienza Vladislav Krapivin nel poema epico “Nelle profondità del Grande Cristallo” .l’universo assomiglia a un cristallo multidimensionale, sulle facce ci sono registrate ologrammi di altri mondi, la quarta dimensione non è il tempo fisico, è una sorta di “sviluppo multi-variante.”

Così possono coesistere mondi, così diversi nella loro storia, e così simili nei contenuti? Recentemente, i fisici, i programmatori hanno creato un modello unico dell’universo, in cui i principi del famoso “teletrasporto quantistico” persistono per “spazio olografico piatto.” Viviamo davvero in un universo olografico?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Tumblr

About admin